Colletto è perfetto


Le donne vanno prese per la gola, dicono. Oppure c’è la tesi che se fai veder loro dei brillocchi ti cadano ai piedi, o ancora c’è chi sostiene che se ci si mostra interessati ai centimetri (di tacco, si intende) si guadagnino punti. Altro che aragoste, anelli e scarpe, le donne pare vadano prese per il collo, anche perché si stanno mostrando sempre più propense a provare amore verso… i colletti. Anzi, colletti-collari-collane tutto insieme. In effetti “colletto” fa rima pure con “perfetto”.
Sono ovunque, tra poco ci faranno anche le pubblicità dell’Esselunga, magari si inventeranno l’ottavo colle di Roma, il Colle (t) To-mino, con un colletto fatto di formaggio con i prati fatti di rucola e gli alberi di ananas. Io ci scherzo, ma tutto può essere, in tal caso gradirei avere il copyright, grazie. E comunque piacciono spassionatamente anche a me, cavalco l’onda pure io, lo ammetto. E dato che sono trendy, per fortuna c’è solo l’imbarazzo della scelta.
Eccovi una top ten.

Che poi quando una pensa ai colletti pensa al collegio, alla banca, a qualcosa di serioso, rigoroso e sì, anche un po’ impostato. Invece no, più ci si allontana da questo stereotipo, meglio è.

Vedi Alessandro Piras, che ha scelto la pelle come base, per poi attaccarci delle borchie a forma di stella. E’ normale che ogni volta guardi la foto mi venga da cantare “Born in the Usa”? La sua è una versione decisamente rock, da portare anche a pelle, con una maglia smanicata, e magari qualche piercing di troppo qua e là.
Delfina Delettrez opta invece per il metallo come suo “tessuto” preferito, creando dei colletti impreziositi da spunzoni, pietre o Swarovski. Io direi molto chic, da indossare sia con un abito elegante, che per dare un tocco notevole di buon gusto ad un look semplice T-shirt e pantalone palazzo.
Sempre metallo per Asos Collection, ma con finitura smaltata, il girocollo con cordini in rete. Caratterizzato da due piastre color oro triangolari sul davanti e catena corta color oro nel mezzo, io lo vedo bene con un look dark, non so voi. Gioca sempre sul colore oro la versione di collana-colletto dell’altro e-commerce Romwe. Anche questo in metallo, ha dei disegni su entrambe le punte. E cosa sono? Omini con il cappello o fortezze medievali? A voi la libera interpretazione.
Si distacca dal concetto aggressivo e rock degli altri Chiara Scarpitti, che per le sue creazioni utilizza un mix di romantico e tecnologico, ovvero l’organza e le stampe digitali. Romantico, dal sapore vintage, il suo colletto erotico lo immagino sopra una bella camicia bianca, leggera, e in seta.

Segue il mood del romanticismo il modello di Little Fille su Boticca, l’e-commerce dedicato ai marchi emergenti. In velluto e pizzo con tanto di nastro per annodare con maxi fiocco, a me ricorda le governanti tedesche nei film in bianco e nero, ma 2.0.
C’è ancora la scia del candore e della purezza sul colletto di Col Claudine, in pelle, bianco e semplice semplice. Io lo metterei su una camicia di cotone dello stesso colore, per un effetto pendant e dettaglio che si vede-non-si-vede.
Stessa forma ma diverso materiale, ancora metallo, per la bellissima collana Dannijo che unisce un’anima aggressiva ad un mood soft. Uno dei miei pezzi preferiti. Anche se i colletti di Sveva e di Giulia Boccafogli non sono da meno. Il modello di Sveva con le pietre è da abbinare a qualcosa di colorato, per il tanto amato effetto color block, mentre quello di Giulia Boccafogli, realizzato con fondi di magazzino inutilizzati di pelli vintage, a mio avviso sta bene a pelle (per l’appunto).

Lucia Del Pasqua


 

 

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , , ,

Posted by Guest Author - 31st October 2014

Leave a Reply